fbpx
logo costa house resort

In un mondo dove la cura dell’immagine gioca un ruolo predominante, l’abbronzatura rappresenta un capitolo d’obbligo, un rito annuale a cui molti di noi non sanno o non vogliono rinunciare. Ma al di là dell’aspetto estetico, un colorito dorato e luminoso, se ottenuto nel modo giusto, diventa anche il simbolo di un corpo in armonia con la natura, capace di sfruttare al meglio le energie del sole.
La tintarella non è solo un semplice cambiamento di pigmentazione: è la poesia della pelle che racconta storie di mari lontani, di avventure sotto il cielo estivo e di momenti di pura e semplice felicità spensierata. Ma cos’è esattamente questo “golden glow” di cui tanto si parla?
Il termine, tradotto letteralmente, indica una “luce dorata”, ma nel linguaggio comune si riferisce a quel particolare incarnato, sano e luminoso, che risulta da un’abbronzatura perfettamente uniforme, non una moda passeggera, ma piuttosto un ideale di bellezza atemporale, che celebra la sinergia tra benessere fisico e armonia esteriore, senza mai mettere a rischio la salute della nostra pelle.

Comprendere la propria pelle: un viaggio tra tipologie cutanee e melanina

 

abbronzatura perfetta-1

È la pelle il custode dei nostri segreti più intimi, racconta storie di generazioni, di culture, di esperienze, quell’abito che indossiamo ogni giorno, fatto su misura e che richiede attenzioni specifiche. Per poter aspirare a un’abbronzatura perfetta, che sia lo specchio di un benessere autentico, è essenziale partire da una conoscenza approfondita del nostro derma

Tipi di pelle e l’influenza sull’abbronzatura

Non tutte le pelli reagiscono allo stesso modo sotto i raggi del sole e come un delicato tessuto, ogni tipo di pelle ha le sue peculiarità:

Melanina: cos’è e perché interviene nella nostra tintarella?

La melanina è un pigmento responsabile della colorazione della pelle, dei capelli e degli occhi, ed è la nostra armatura naturale contro i danni del sole. Quando la nostra pelle è esposta ai raggi UV, le cellule producono più melanina per proteggersi, regalandoci quella tonalità abbronzata che molti desiderano.
Ma la melanina non è solo estetica. È una guardiana silenziosa, che, distribuendosi uniformemente, protegge il DNA delle cellule dai potenziali danni dei raggi ultravioletti. Comprendere il proprio livello di melanina, e come questa reagisce al sole, è fondamentale per adottare le giuste precauzioni e ottenere un’abbronzatura uniforme e salutare, aspirando a quel “golden glow” tanto ambito, in cui bellezza e salute si fondono in un unico, luminoso abbraccio.

Preparazione alla tintarella

 

abbronzatura perfetta-3

Per ottenere un’abbronzatura luminosa e duratura, dobbiamo comprendere la delicatezza del nostro corpo e prepararlo in modo adeguato. L’esfoliazione è la chiave per una pelle radiosa ed è il processo di eliminazione delle cellule morte dalla superficie della pelle, lasciando spazio a cellule fresche e rigenerate. Questo non solo dona un aspetto più giovane e luminoso alla tua pelle, ma funge anche da tela perfetta per accogliere il sole in modo uniforme, evitando macchie e imperfezioni. Utilizza possibilmente prodotti naturali a base vegetale per purificare la tua epidermide in maniera gentile.
Un altro passo fondamentale per preparare la pelle all’abbronzatura è l’idratazione, prezioso nutrimento della pelle. Una pelle ben idratata è elastica, luminosa e pronta ad assorbire il sole in modo uniforme.
Prima di esporti al sole, assicurati pertanto che la tua pelle sia ben idratata e così facendo non solo eviterai scottature, ma ti garantirai anche una tinta uniforme e duratura. Usa creme o oli naturali che contengano ingredienti come l’olio di jojoba, l’olio di cocco o l’aloe vera. Questi ingredienti mantengono la pelle idratata, preservandola dai danni solari e aiutando l’abbronzatura a svilupparsi meglio e a durare più a lungo.

Alimentazione e abbronzatura: gli alimenti che aiutano

La bellezza, si sa, viene dall’interno e l’abbronzatura non fa eccezione. Alcuni alimenti possono, infatti, potenziare la nostra capacità di abbronzarci e proteggere la pelle dai danni solari.
Gli alimenti ricchi di betacarotene, come carote, albicocche, patate dolci e spinaci, possono aiutare la pelle d’estate. Anche gli alimenti ricchi di antiossidanti, come i frutti rossi, il cioccolato fondente e il tè verde, sono alleati della tua tintarella. Questi cibi combattono i radicali liberi, prevenendo l’invecchiamento cutaneo e aiutando l’abbronzatura a fissarsi in modo naturale e luminoso.

Protezione solare: non solo per prevenire le scottature

 

abbronzatura

Il sole, con il suo calore avvolgente e la sua luce brillante, è spesso visto come il simbolo di giornate spensierate, di lunghi pomeriggi in spiaggia e di momenti di gioia. Tuttavia, la protezione solare non è solo un escamotage per prevenire le scottature, ma serve per preservare la salute e la bellezza della nostra pelle.
La scelta del giusto fattore di protezione (SPF) indica la capacità di una crema solare di proteggere la pelle dai danni dei raggi UVB, e, in numeri, rappresenta il tempo in più che potrai passare al sole senza scottarti rispetto a quanto potresti fare senza protezione.
Per scegliere l’SPF adatto, dovresti considerare il tuo tipo di pelle, il tempo che prevedi di trascorrere al sole e l’intensità del sole stesso. Ad esempio, una pelle chiara, che tende a scottarsi facilmente, richiede un SPF più elevato rispetto a una pelle olivastra o scura. Tuttavia, indipendentemente dal tipo di pelle, è sempre consigliabile optare per un SPF di almeno 30, soprattutto durante le ore più calde della giornata.

La differenza tra protezione UVA e UVB

I raggi solari si dividono principalmente in due tipi: UVA e UVB. Entrambi possono causare danni alla pelle, ma agiscono in modi diversi.

I raggi UVB sono principalmente responsabili delle scottature, e di fatto colpiscono la superficie della pelle, causando arrossamenti e, in alcuni casi, vere e proprie ustioni. L’SPF di cui abbiamo parlato prima si riferisce principalmente a questa forma di protezione.

I raggi UVA, invece, penetrano più in profondità e sono responsabili dell’invecchiamento prematuro della pelle e possono contribuire alla comparsa di rughe, macchie e altri segni del tempo. Ancora più preoccupante, una prolungata esposizione ai raggi UVA senza una protezione adeguata può aumentare il rischio di tumori della pelle.

Per questo scegliere creme solari che offrano una “protezione ad ampio spettro“, ovvero capaci di difendere la pelle sia dai raggi UVA che UVB non è solo un fatto di estetica o di evitare il fastidioso dolore di una scottatura. Proteggere la pelle dai danni del sole significa preservare la sua integrità e la sua salute. Una protezione adeguata è sinonimo di prevenzione e la tua pelle ti ringrazierà, oggi e negli anni a venire.

Come e quando prendere il sole a Lampedusa

 

Happy Family

Lampedusa, perla scintillante nel cuore del Mediterraneo, è un paradiso terrestre dove l’abbraccio del sole diventa un’esperienza quasi mistica. Le sue spiagge, dal colore dorato e dai riflessi argentati, si sposano con un mare di una trasparenza inaudita, creando il contesto ideale per un’abbronzatura perfetta. Ma come e quando godersi al meglio il sole di questa incantevole isola?

Tra le spiagge da non perdere, dove poter rilassarsi al sole, c’è la tanto annoverata Spiaggia dei Conigli, un must per chiunque visiti Lampedusa. L’acqua cristallina e la sabbia finissima la rendono la cornice ideale per un’abbronzatura dorata perfetta.
Non da meno Cala Croce, caratterizzata da acque turchesi e rocce calcaree, questa spiaggia è il luogo perfetto per chi cerca tranquillità e un contatto diretto con la natura. Un altro luogo ameno è Cala Pulcino, piccola e nascosta, questa cala è un piccolo gioiello dove il sole bacia la pelle in modo delicato, rendendola lucente e luminosa.

Le mattine a Lampedusa, in particolare tra agosto e settembre, sono magiche: il sole, ancora basso, emette raggi delicati ma efficaci per un’abbronzatura uniforme. E per questo si consiglia di prendere il sole dalle 8:00 alle 11:00, quando la sua forza è moderata ma sufficiente per garantire un’abbronzatura dorata.

Nel pomeriggio, tra le 16:00 e le 19:00, il sole torna a essere mite, permettendo di godersi una tintarella rilassante senza il rischio di scottature.

È fondamentale, però come abbiamo visto, proteggersi con creme solari adatte e bere molta acqua per mantenere la pelle idratata e pronta ad accogliere i raggi solari.

Costa House Resort: il tuo angolo di paradiso a Lampedusa

Per rendere la tua esperienza a Lampedusa indimenticabile, il soggiorno al Costa House Resort è d’obbligo. Questo resort, che unisce eleganza e comfort, si integra perfettamente con la bellezza naturale dell’isola, offrendo un servizio impeccabile all’interno di panorami mozzafiato.
Dopo una giornata passata sotto il sole, puoi rilassarti nelle lussuose stanze del resort,  ammirare il tramonto sorseggiando un cocktail, goderti una cena gourmet nel ristorante interno dove le sapienti abilità di Chef Di Maggio sapranno coccolare il tuo palato. Se stai pianificando il tuo viaggio a Lampedusa per agosto o settembre, non lasciarti sfuggire l’opportunità di soggiornare in questo angolo di paradiso. Prenota ora la tua stanza e preparati a vivere una vacanza indimenticabile che ti regalerà una tintarella da invidia e un viaggio che rimarrà per sempre nel tuo cuore.

×